Menu
PWC

A Seed&Chips l’Italia ragiona sul food tech

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

L’Italia continua ad essere un attore importante sui mercati internazionali nel settore agroalimentare. Il 2015 ha fatto registrare 1,32 miliardi di surplus commerciale, con un valore delle esportazioni di oltre 36 miliardi. La nuova frontiera, però, si chiama food tech, cioè unire idee innovative e tecnologiche al comparto del cibo e al suo indotto: consegne, tracciabilità, packaging. E, se è vero che le idee in Italia non mancano, come testimoniano le nuove startup wine-Owine o Revoilution, ciò che manca sembrano essere venture capital e finanziatori in grado di sostenere tali iniziative. A Seed&Chips, dall’11 al 14 maggio, sotto la supervisione scientifica del Cnr, si cercherà di delineare lo stato di salute del settore food tech in Italia.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter