Menu
PWC

Il settore della cybersecurity piace ai fondi d’investimento

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

L’architettura nazionale della sicurezza israeliana ha sviluppato una notevole capacità tecnologica, certificata dalla volontà di creare un fondo d’investimento che si pone l’obiettivo di investire in startup locali e dare all’agenzia di intelligence Mossad l’accesso diretto ed esclusivo alle innovazioni più avanzate. Anche il nostro Paese sta compiendo dei passi in questa direzione; il governo italiano vorrebbe un fondo di venture capital per il finanziamento di startup e/o per la partecipazione al capitale societario di realtà imprenditoriali d’interesse. Questa novità si va a unire all’obiettivo di istituire un Centro nazionale di Ricerca e Sviluppo in Cybersecurity e un Centro nazionale di crittografia. I Paese che si stanno muovendo in questa direzione vedono nella cybersecurity un settore in crescita, ambito strategico di grande interesse per governi e aziende. Il mercato potrà superare, tra tre anni, i 155 miliardi di dollari. A confermare questo, possiamo riportare il valore degli investimenti effettuati dai fondi di venture capital nel settore della sicurezza cibernetica: nel 2009 furono 340 milioni, mentre nel 2016 il valore complessivo è stato di 3 miliardi di dollari.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter