Il punto di… Paolo Pendenza, Responsabile Private Debt di Equita Capital SGR

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

La raccolta di nuove risorse finanziarie è oggi un tema chiave: le imprese hanno bisogno da un lato di liquidità immediata e dall’altro di fonti a medio e lungo termine che permettano di costruire una solida base per riprendere l’attività e continuare a progettare il proprio futuro.

Il private capital – che riguardi debito o capitale di rischio – si configura oggi, almeno per le società di più modeste dimensioni, come lo strumento che può aiutare concretamente le aziende non quotate a rilanciare i propri progetti di crescita e di sviluppo del business, soprattutto in un momento come questo dove le prospettive future sono ancora incerte a causa della pandemia.

Proposte come i PIR Alternativi, novità contenuta nel Decreto Rilancio e confermata recentemente dalla legge di conversione, vanno nella giusta direzione per promuovere il private capital, essendo queste misure di carattere strutturale che mirano a sostenere l’economia e far affluire capitali ad aziende il cui accesso al mercato è mediamente più difficile. Si crea così un canale di nuove risorse per investimenti di lungo termine nell’economia reale.

Secondo i dati del nostro Team di Ricerca Equita, proprio dai PIR Alternativi potrebbe arrivare una raccolta tra i 2 e i 3 miliardi di euro nel 2020, fino a raggiungere 10-15 miliardi di masse gestite nei successivi cinque anni. Inoltre, qualora fossero introdotti ulteriori incentivi – come ad esempio una parte di detrazione fiscale sull’ammontare investito come nel caso dei Venture Capital Trust nel Regno Unito – tali stime potrebbero addirittura essere superate.

Un focus specifico lo merita il private debt, oggi asset class relativamente giovane in Italia rispetto al già consolidato private equity ma comunque già di rilievo per investitori – perché permette di raggiungere ritorni più interessanti rispetto all’investimento obbligazionario solito – e per imprese – che accedono così ad una forma di finanziamento alternativa rispetto al tradizionale canale bancario.

Equita è attiva ormai da anni in quest’ambito. La strategia del team è differente rispetto a quella di molti altri player in quanto focalizzata su aziende partecipate dal private equity, in particolar modo nella nicchia dei piccoli e medi buy-out. Il target infatti sono le imprese con un fatturato tra i 20 e i 150 milioni di euro. Il team non ha focus settoriali specifico ma si concentra piuttosto sul merito creditizio delle aziende target. Altro aspetto caratterizzante del prodotto Equita è che, operando in affiancamento a fondi di private equity, il team si affianca agli operatori di private equity in un’ottica di partnership finanziaria, integrando la struttura del capitale delle aziende con una forma di capitale intermedio, fattispecie pressoché assente nel mercato italiano, così come in altri mercati pur finanziariamente evoluti, come quello tedesco o spagnolo. 

Queste specificità hanno dunque permesso al team di sviluppare competenze uniche nel tempo. Dal 2016, anno in cui abbiamo lanciato il primo fondo “Equita Private Debt Fund” – oggi interamente investito – siamo riusciti a distinguerci sul mercato crescendo anche in termini di professionisti e in questi mesi stiamo lavorando per chiudere la prima fase di raccolta del nostro secondo fondo, Equita Private Debt Fund II, che seguirà la filosofia e la politica d’investimento del suo predecessore. Il focus degli investimenti sarà infatti mantenuto su finanziamenti senior unitranche e subordinati a supporto di operazioni di private equity, con scadenze comprese tra 5 e 7 anni e ammortamento bullet. Anche i rendimenti attesi saranno in linea con quelli del primo fondo, che vanta un rendimento atteso lordo intorno al 9,5%. L’unica differenza sarà dunque sul target di raccolta complessiva, definito a 200 milioni di euro, ovvero il doppio rispetto al primo fondo: questo ci darà la possibilità di operare con maggiore flessibilità e minor rischio, consentendoci una migliore diversificazione del portafoglio d’investimenti.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter
Redazione
Chi siamo
Tag più usati
#Blackstone, #Serie A, #Bain Capital, #Nb Reinassance, #BEI, #AIFI, #Dea Capital , #F2i, #Italian Angels for Growth , #Investindustrial, #Autostrade, #CvC, #Poste, #BlackRock, #KKR, #TIM-TelecomItalia, #Anthilia sgr, #Mandarin Capital Partners, #Permira, #Goldman Sachs, #Advent, #Oaktree, #York Capital, #Google, #Silver Lake , #Macquarie , #Sator, #Eqt, #Fsi, #Intesa Sanpaolo innovation center, #Peninsula Capital, #PwC, #Wise, #P101, #Apollo Global Management , #Quadrivio, #Innocenzo Cipolletta, #Enel, #Hig Capital, #Gruppo Maccaferri, #Lazio Innova, #Azimut, #GIOIN, #Uber, #Mps, #Nexi, #Intesa Sanpaolo, #Ambienta, #Anthilia Capital Partners , #EOS Investment Management, #Oxy Capital , #Palladio, #NB Aurora, #NB Renaissance Partners , #AIFI, #Alcedo, #Telepass, #Fortress, #Cdp, #Guala Closures , #Advent International, #Banca Sella, #Ardian, #Tikehau Capital, #Amazon, #Iag, #Clessidra, #Giochi Preziosi, #Club degli Investitori, #Green Arrow Capital, #Mediobanca, #Principia, #Invitalia, #Facebook, #Unicredit, #Fondo italiano d'investimento, #Sia, #Golden Goose, #Warburg Pincus , #Neuberger Berman , #Partners Group, #Apax, #Riello Investimenti Partners, #Cerberus, #Tamburi Investment Partners (Tip), #Apollo, #Nestlé, #Eni, #Progressio sgr, #Innogest, #Tim, #Alpha Private Equity, #Lvmh, #Alibaba, #Cinven, #Alpha, #Alto Partners, #Elon Musk, #Aksìa Group, #Rcs, #Digital Magics, #Vertis, #Invitalia, #Primomiglio, #Pesenti, #LCatterton, #Mandarin, #Politecnico di Milano, #Atlantia, #Carlyle, #Investindustrial, #Fosun, #Intesa Sanpaolo, #Airbnb, #Xenon Private Equity, #Tpg Capital, #Elliott, #Liuc - Università Cattaneo, #Cerberus Capital, #Gavio, #Investcorp, #Cvc Capital Partners, #Trentino Sviluppo , #L Catterton, #Liuc Business School, #Centerbridge, #Startup, #Lone Star, #Oaktree Capital Management, #CdpEquity, #Borsa, #Cerved, #Platinum Equity, #Fei, #Corrado Passera, #Armonia, #Mise, #Bridgepoint Capital, #QuattroR, #Microsoft, #Recordati, #DeA Capital Alternative Funds, #BC Partners, #Astorg, #Hit (Hub Innovazione Trentino), #Carlyle Group, #Carige, #Palamon Capital Partners, #Generali, #VentureUp , #Tencent , #Tesla, #Volkswagen, #Andrea Bonomi, #Pem Private equity monitor, #H-Farm, #TA Associates , #Terra Firma, #SICI , #Varde, #LVenture, #Moncler, #Private equity , #Talent Garden, #Pai Partners, #Venture capital, #Francesco Trapani, #Cavalli, #Orrick, #Charterhouse, #Mittel, #Barcamper Ventures, #Consilium, #Startup , #Consob, #Italmobiliare, #Oltre venture, #Ferrero, #21 Investimenti, #Milan, #Borsa Italiana, #Fintech, #Apple, #Cassa depositi e prestiti, #Invitalia Ventures sgr, #Cina, #Ergon Capital, #Crowdfunding, #VentureUp, #Pmi, #JC Flowers, #AIM italia, #Intesa SanPaolo, #Università di Trento, #Eurazeo, #Wisequity IV, #LVenture Group, #Luiss EnLabs, #Il Sole 24Ore, #HIT Hub Innovazione Trentino, #SMAU, #Venture capital , #Esselunga, #Panakès, #Neuberger Berman, #Lendix, #HIT, hub innovazione trentino, #Spaxs, #Ducati, #Private equity, #Spac, #Jc Flowers, #Yahoo!, #IDeA Capital Funds , #Snapchat, #Cairo