Grazie a specifici sensori il foulard produce suoni antistalker

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

La moda e la tecnologia si fondono per combattere gli aggressori, stalker e maniaci vari: nasce così il progetto AWeSe, in cui delle allieve del Centro Moda Canossa hanno ideato un foulard hitech, grazie allo sviluppo della sensoristica applicata a capi e accessori. Il tutto è possibile tramite specifici sensori, che attivano un allarme che raggiunge un suono pari a 130 decibel. Un rumore talmente forte che richiamerà l’attenzione di tutti i passanti e metterà in fuga l’aggressore. In questo momento, il foulard è solo un prototipo e gli ideatori del progetto stanno cercando delle aziende interessate a produrlo.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter