PwC: report unlikely to pay 2018

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

L'edizione 2017 del report PwC sulle inadempienze probabili, unlikely to pay, UTP, sottolineava la necessità per le banche italiane di focalizzarsi in modo prioritario sulla gestione delle esposizioni classificate come UTP, ovvero crediti per i quali la banca ritiene improbabile un rimborso integrale. Un anno dopo, dalla nuova analisi di PwC sul segmento UTP - dal titolo “Il mercato italiano dei crediti UTP: is now the momentum?” – emerge invece come tale segmento abbia mostrato nel 2017 pochi movimenti e limitati passi avanti. Ancora oggi la gestione degli UTP si conferma una sfida cruciale per il sistema bancario italiano: i dati di fine 2017 mostrano elevati volumi di UTP, pari a 94 miliardi di euro in termini di gross book value. Nell’esercizio 2017, inoltre, i crediti UTP hanno non solo raggiunto ma anche superato i livelli di sofferenze in termini di net book value (rispettivamente 66 miliardi e 64 miliardi). Le non performing exposures del settore bancario italiano a fine 2017 ammontavano a 264 miliardi (GBV), con un calo di circa il 18% rispetto al dato di 324 miliardi registrato a fine 2016. All’interno di tali volumi complessivi, il segmento delle inadempienze probabili a fine 2017 ammontava a 94 miliardi (GBV), registrando una diminuzione di circa il 20% rispetto a 117 miliardi dell’esercizio precedente. Prendendo in considerazione il triennio 2015-2017, i crediti UTP hanno registrato un trend (CAGR) del -14%. I dati 2017 confermano inoltre la forte concentrazione dei crediti UTP, con l’80% concentrato tra le 10 maggiori banche (76% a fine 2016). Considerando solo i tre principali istituti, tale percentuale ammonta al 53% (51% nel 2016). In termini di accantonamenti, le dieci maggiori banche domestiche hanno nel 2017 migliorato il coverage ratio, pari al 30,4% rispetto al 29,1% del 2016, mentre l’incidenza sui prestiti complessivi è scesa dal 6,6% del 2016 al 5,5% a fine 2017. Alla fine del 2017, nonostante minori flussi in uscita verso il segmento sofferenze (-5%) ed i minori flussi in entrata dai crediti performing (-2%) rispetto al 2016, il 50% dello stock UTP – per un ammontare di €44,5 miliardi - è rimasto all’interno del segmento, un dato che conferma la necessità strategica di gestire questi volumi ancora molto elevati individuando appropriate soluzioni di deleveraging. La ragione di questo “immobilismo” sta innanzitutto nella mancanza di efficaci misure di ristrutturazione del credito. Secondo Banca d’Italia il 62% degli accordi di ristrutturazione – che riguardano prevalentemente proprio posizioni di UTP – dopo 4 anni sono ancora in corso, senza aver portato ad un risultato positivo e definitivo. Le indicazioni del Regolatore verso una gestione proattiva dei NPL rappresenteranno nei prossimi mesi un “game changer” anche per il segmento UTP. In particolare: le linee guida BCE, in Italia estese anche agli istituti di dimensioni minori, insieme al calendar provisioning indicato nell’Addendum BCE che richiede accantonamenti superiori e più rapidi, nonché l’applicazione dell’IFRS 9 da gennaio 2018 avranno un rilevante impatto sulla gestione degli UTP. Questi driver senz’altro impatteranno e saranno alla base della gestione da parte degli istituti dell’attuale portafoglio NPL, dei prossimi flussi di NPE ed infine anche dei piani di gestione del segmento UTP. La sfida degli UTP non deriva solo dagli elevati volumi, bensì anche dalla complessità intrinseca che li caratterizza. Il segmento UTP include infatti posizioni che vanno dal semplice scaduto sino a situazioni più complesse, prossime allo status di vera e propria sofferenza. A questo si aggiungono specifiche derivanti dal settore, dalla taglia, dalla permanenza del credito come UTP, e ancora dalla presenza di eventuali garanzie. Questo rende necessario per le banche una segmentazione del portafoglio e una specifica due diligence su ogni singola posizione UTP, per comprendere l’asset quality e individuare la soluzione più ottimale. Solo attraverso tale approccio proattivo sarà possibile identificare la migliore opzione strategica di deleveraging.

Tags
#PwC
Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter
Redazione
Chi siamo
Tag più usati
#Club degli Investitori, #Italian Angels for Growth , #AIFI, #Lazio Innova, #CvC, #Ambienta, #Apollo Global Management , #Xenon Private Equity, #AIFI, #Anthilia sgr, #Tpg Capital, #Elliott, #Silver Lake , #Cdp, #LCatterton, #Neuberger Berman , #Blackstone, #Airbnb, #KKR, #Liuc - Università Cattaneo, #Invitalia, #Cerberus Capital, #Gavio, #Investcorp, #Bain Capital, #Cvc Capital Partners, #Unicredit, #F2i, #Trentino Sviluppo , #Wise, #Golden Goose, #Permira, #L Catterton, #Fortress, #York Capital, #Guala Closures , #Investindustrial, #Liuc Business School, #BlackRock, #Centerbridge, #Warburg Pincus , #Startup, #PwC, #Alto Partners, #Amazon, #Innogest, #Lone Star, #Clessidra, #Oaktree Capital Management, #Riello Investimenti Partners, #BEI, #CdpEquity, #Borsa, #Sia, #Nexi, #Cerved, #Vertis, #Intesa Sanpaolo, #Platinum Equity, #Banca Sella, #Eqt, #Fei, #Corrado Passera, #Carlyle, #Ardian, #Armonia, #Mise, #Bridgepoint Capital, #Nestlé, #Mandarin Capital Partners, #Intesa Sanpaolo, #QuattroR, #Cinven, #NB Aurora, #TIM-TelecomItalia, #Green Arrow Capital, #Apax, #Advent, #Microsoft, #Tamburi Investment Partners (Tip), #Recordati, #Atlantia, #Cerberus, #DeA Capital Alternative Funds, #Goldman Sachs, #Politecnico di Milano, #Tikehau Capital, #Uber, #BC Partners, #Astorg, #Mps, #Palladio, #Elon Musk, #Anthilia Capital Partners , #Hit (Hub Innovazione Trentino), #Eni, #Hig Capital, #Carlyle Group, #Alcedo, #Oxy Capital , #Carige, #Azimut, #Peninsula Capital, #Palamon Capital Partners, #Generali, #Macquarie , #VentureUp , #Tencent , #Apollo, #Digital Magics, #Quadrivio, #Dea Capital , #Nb Reinassance, #Tesla, #Alpha Private Equity, #Volkswagen, #NB Renaissance Partners , #Andrea Bonomi, #Pem Private equity monitor, #H-Farm, #Poste, #TA Associates , #Innocenzo Cipolletta, #Terra Firma, #P101, #SICI , #Varde, #LVenture, #Moncler, #Private equity , #Talent Garden, #Fondo italiano d'investimento, #Pai Partners, #Venture capital, #EOS Investment Management, #Francesco Trapani, #Alibaba, #Cavalli, #Enel, #Progressio sgr, #Orrick, #Lvmh, #Pesenti, #Charterhouse, #Mittel, #Google, #Tim, #Primomiglio, #Barcamper Ventures, #Aksìa Group, #Rcs, #Consilium, #Startup , #Principia, #Consob, #Advent International, #Italmobiliare, #Oltre venture, #Ferrero, #Fosun, #21 Investimenti, #Milan, #Borsa Italiana, #Mediobanca, #Fintech, #Apple, #Cassa depositi e prestiti, #Invitalia Ventures sgr, #Cina, #Ergon Capital, #GIOIN, #Crowdfunding, #VentureUp, #Pmi, #JC Flowers, #AIM italia, #Intesa SanPaolo, #Università di Trento, #Investindustrial, #Eurazeo, #Wisequity IV, #LVenture Group, #Luiss EnLabs, #Alpha, #Il Sole 24Ore, #HIT Hub Innovazione Trentino, #SMAU, #Venture capital , #Esselunga, #Panakès, #Neuberger Berman, #Lendix, #HIT, hub innovazione trentino, #Spaxs, #Ducati, #Private equity, #Mandarin, #Spac, #Invitalia, #Jc Flowers, #Yahoo!, #IDeA Capital Funds , #Snapchat, #Cairo