Elio in Africa scoperto grazie a una startup

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

La startup norvegese Helium One ha scoperto il più grande giacimento di Elio della storia. Il gas, importantissimo per le applicazioni sanitarie e tecnologiche, era a rischio esaurimento ma con questo ritrovamento, sarà possibile continuare a lavorare in molti settori come quello della risonanze magnetiche, nella produzione di microchip e nello studio delle molecole. La startup, che ha già raccolto 40 milioni di dollari da investitori privati, dichiara, come riporta l’articolo di Guido Romeo su Il Sole 24Ore, che ha già una licenza di esplorazione esclusiva che si trasformerà in licenza di produzione puntando ad avere un prezzo più altro di quello del mercato attuale con un margine di oltre il 70% sui costi. L’estrazione del gas infatti non è pericolosa essendo inerte e ci sono rischi né di esplosioni né di avvelenamenti né rischi per la salute di coloro che lavorano ai giacimenti.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter