Internet la chiave di volta per l’Africa

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

Jonas Hjort e Jonas Poulsen, professori di economia delle università americane di Columbia e Harvard, sono riusciti a dimostrare come l’avvento di Internet ad alta velocità abbia generato tra il 4% e il 10% in più di posti di lavoro in Africa, percentuali elevate considerando i dati sull’occupazione del continente. Cruciale, secondo i due studiosi, l’impatto dei cavi sottomarini in fibra ottica che hanno facilitato l’espansione di servizi di It fondamentali in alcuni settori come la finanza e hanno aumentato la produttività del manifatturiero: l’outsourcing in Sudafrica, l’ecommerce in Nigeria, le produzione industriale in Kenya e nella Silicon Savannah, come è stato rinominato quest’ultimo, grazie alla diffusione di internet hanno permesso la creazione di 150 attività imprenditoriali. Rimane ora il problema di come portare in modo capillare la rete dalle coste alle zone rurali, dove ancora vivono milioni di persone.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter