Pem: a marzo 10 nuove operazioni di private equity

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

Il mercato del private equity evidenzia un ottimo stato di salute nel corso di marzo, facendo registrare 10 nuovi investimenti, in aumento rispetto ai primi due mesi del 2017. Lo scorso anno, nel medesimo periodo, l’Osservatorio PEM di LIUC – Università Cattaneo aveva mappato 7 investimenti. L’avvio dell’anno è stato caratterizzato da un’ottima vivacità del settore. Sono infatti 26 i nuovi investimenti annunciati tra gennaio e marzo di quest’anno, esattamente come nel trimestre immediatamente precedente ed in sensibile aumento rispetto ai 21 dell’analogo periodo del 2016. Sulla base dei valori enunciati, l’Indice trimestrale Private Equity Monitor Index – PEM-I, elaborato dai ricercatori dell’Osservatorio PEM di LIUC – Università Cattaneo, si è attestato così a quota 217, un valore indicativo di un livello di attività piuttosto intenso. In questi primi tre mesi dell’anno i buy out rappresentano circa il 50% del mercato, una quota inferiore rispetto alla composizione tradizionale del mercato, mentre le operazioni di Expansion tornano a rivestire un ruolo significativo (35%), dopo la parentesi del biennio 2015-2016. In questa fase di avvio dell’anno, si registra una frenata delle operazioni di add-on: ne sono state registrate, infatti, unicamente due, dopo una lunga fase nella quale i progetti di aggregazione industriale hanno costituito circa un quinto dell’intero mercato del private equity. Permane una ottima presenza di investitori internazionali nel corso del trimestre: circa il 48% dei deals è, infatti, riconducibile a operatori non domestici, ad ulteriore conferma del ritrovato interesse verso l’Italia. A livello geografico, Lombardia e Veneto si confermano protagoniste attraendo ciascuna il 27% del mercato. A livello settoriale, il comparto dei prodotti per l’industria si attesta a quota 38%, seguito da quello dei beni di consumo (15%).

Il Private Equity Monitor Index – Pem-I è un indice nato nell’ambito del PEM, Osservatorio attivo presso la LIUC – Università Cattaneo, con il contributo di EOS Investment Management, EY, Fondo Italiano di Investimento SGR e King&Wood Mallesons Studio Legale. Calcolato su base trimestrale a partire dal primo trimestre 2003 (Base 100), il PEM-I viene elaborato rapportando il numero di operazioni mappate dal PEM nel corso del trimestre di riferimento, al numero di investimenti realizzati nel trimestre utilizzato come base. In questo modo l’indice, seppur con esclusivo riferimento al numero delle operazioni, fornisce un’indicazione puntuale e tempestiva sullo stato di salute del mercato italiano del private equity, rappresentando il primo indicatore di questo tipo calcolato nel nostro Paese.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter