Il piano B di Passera sul tavolo di Mps

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

Il piano B di Corrado Passera è arrivato in consiglio ed è stato visionato sia dal ceo, Marco Morelli, sia dall’advisor Lazard. Oggi si riunirà il cda a Milano e si deciderà quali passi compiere; di sicuro il piano A non verrà archiviato perché ha l’approvazione del Ministero del Tesoro e della Bce ma nemmeno il piano B sembra da scartare e si potrebbe addirittura pensare a un mix tra i due progetti. L’idea di Passera è corredata anche di una lettera di intenti, di 2,5 miliardi di euro, da parte di alcuni investitori istituzionali tra cui il fondo Atlas. L’impegno è però condizionato alla due diligence che andrebbe realizzata a breve. Un altro miliardo si avrebbe da un aumento in opzione agli attuali azionisti mentre non c’è in piano la conversione dei bond. Come per l’altra ipiotesi, si punta anche qui a una maxi cartolarizzazione dei crediti insieme ad Atlante in una fase successiva all’aumento e di ammontare superiore ai 27,7 miliardi ovvero 32 miliardi. In questo modo le quote dei titoli cartolarizzati andrebbero ai nuovi soci. Così si comprende anche l’interesse dei fondi che mirano agli npl: con l’operazione diventerebbero soci di Mps ma anche azionisti della bad bank. E Passera? lui potrebbe diventare presidente esecutivo dell’istituto di Siena. Tutto questo però necessità del passaggio al Governo che è il primo azionista della banca oltre a un ok della Bce che aveva già avvallato il piano da 5 miliardi di ricapitalizzazione. Il tempo stringe, serve convocare l’assemblea per il 18 novembre così da chiudere l’operazione di conversione dei bond e di aumento del capitale e decidere sul futuro di Mps.

Condividi su:
Iscriviti per ricevere la nostra newsletter