Menu
PWC

Casa Gioia: la startup per i ragazzi con disabilità cognitive

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

La prima startup innovativa a vocazione sociale si chiama Casa Gioia e fornisce assistenza alle persone con disabilità cognitive. Stefania Azzali, già fondatrice dell'Onlus Ring 14, ha specificato che la startup nasce come un luogo d'incontro e di vita per rispondere all’aumento del numero di ragazzi con disabilità cognitive. Le aule e i laboratori sono state progettate ad hoc per i ragazzi che hanno la possibilità di partecipare anche a eventi sportivi e culturali. Casa Gioia è, di fatto, un centro di ricerca che guarda alle nuove frontiere scientifiche. Stefania, in quanto madre di un figlio con grave ritardo mentale e tratti dello spettro autistico, ha finalmente realizzato il suo sogno: creare un punto di aggregazione per ragazzi, famiglie, professionisti, volontari e ricercatori.

Condividi su: