Menu
PWC

BiovelocITA lancia due nuove collaborazioni

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

L'invecchiamento della popolazione sta causando un progressivo aumento delle spese sanitarie e un ulteriore rafforzamento dell'importanza della ricerca medica nella nostra società. L'Italia si trova nella paradossale situazione di avere ricercatori di prim'ordine (abbiamo il numero di pubblicazioni per ricercatore più alto d'Europa), cui corrisponde però uno scarso numero di brevetti e un'attrattività per gli investimenti tra le più basse. È in questo contesto che va a inserirsi BiovelocITA, primo acceleratore italiano dedicato alle aziende biotech, fondato un anno fa da Silvano Spinelli, Gabriella Camboni e Sofinnova Partners, società di venture capital nel settore delle life sciences. La sua mission è trasformare scoperte scientifiche in progetti di ricerca con valenza industriale, e facilitare il loro processo di evoluzione in startup: ha già raccolto oltre 7 milioni di euro dai fondatori e da altri investitori italiani. Ieri la società ha annunciato due nuove collaborazioni. La prima è con Enthera, società biotech che trasformerà in terapia i risultati ottenuti dal team del professor Paolo Fiorina dell'Ospedale San Raffaele di Milano. Verranno investiti nella ricerca circa 1,5 milioni di euro in 18 mesi. L'obiettivo è aprire la strada a rivoluzionarie terapie mediche per la cura del diabete e delle sue complicanze. La seconda collaborazione nasce da una scoperta avvenuta nel laboratorio Ifom (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare) del dottor Fabrizio d'Adda di Fagagna, che riguarda le cellule il cui DNA viene danneggiato dall'insorgere del cancro o dall'invecchiamento. Il progetto prevede di applicare questa scoperta allo studio di nuovi farmaci che potrebbero essere efficaci in alcune forme di tumore, ma le applicazioni potrebbero essere molteplici. Un accordo con TTFactor, la società di trasferimento tecnologico fondata da Ifom e Ieo, prevede l'impiego di circa un milione di euro in 18 mesi, e la creazione di uno spinoff compartecipato da IFOM e BiovelocITA con licenza esclusiva sui diritti commerciali. In generale, sono numerose le startup italiane che si fanno avanti puntando su tecnologie innovative in campo medico. Particolarmente interessanti sono aXurge, dedicata alla chirurgia cardiovascolare e Medea. Quest'ultima, creata da Vincenzo Telesca, propone Medea.InCare, piattaforma che permette ai pazienti di svolgere da soli un gran numero di esami diagnostici, creando una cartella clinica online con firma di medici specialisti. L'obiettivo di offrire servizi qualificati anche a chi vive in zone rurali con scarse infrastrutture.

Condividi su: