Menu
PWC

L’ondata di debito non raggiunge le società USA più rischiose

Private Capital Today
In collaborazione con:

PWC

Secondo quanto riporta Eric Platt sul Financial Times, la notevole presenza di debito a livello mondiale non sta raggiungendo le aziende statunitensi caratterizzate da un elevato tasso di rischiosità. Le aziende con alcuni tra i più bassi rating di credito hanno venduto meno di 12 miliardi di $ di debito negli Stati Uniti quest'anno, il ritmo più lento registrato dal 2009, in controtendenza con quanto previsto negli ambienti di Wall Street. Fino ad ora, più di 5TN di $ di debito sono stati venduti dalle aziende quest’anno, dal momento che le banche centrali di Europa e Giappone cercano, attraverso i mercati, di stimolare l'attività economica e riaccendere l'inflazione. La parte più rischiosa del mercato ha colpito gli investitori già da quest'anno. A metà febbraio, gli investitori in possesso di certificati triple-C hanno subito cali vicini al 9 per cento. Allo stesso tempo, tutte le banche di Wall Street sono state costrette a svalutare i leveraged bond che non potevano scaricare dai propri bilanci. Il calo delle emissioni di debito tripla-C deriva anche, in parte, dal “drop off” in operazioni di leveraged buyout, in cui le società di private equity finanziano le acquisizioni di società nel mercato del debito. La preoccupazione resta alta in quanto un ulteriore agitazione dei mercati potrebbero chiudere le porte alla vendita del debito e avere conseguenze negative verso i mercati azionari, alle prese con un calo degli utili ormai da cinque trimestri.

Condividi su: